Iscriviti
 
3 Dicembre 2018

Sicurezza sui luoghi di lavoro: il capocantiere assente deve essere sostituito

 

La Suprema Corte è di recente tornata ad esprimersi sulle incombenze del datore di lavoro nell’ipotesi di assenza del capocantiere.

 

A seguito della caduta di due operai per attività in quota e delle conseguenti lesioni riportate, il datore di lavoro era stato ritenuto responsabile dai giudici di merito: responsabilità successivamente confermata dalla Cassazione con la sentenza n. 51530/2018. In particolare, si accertava che i dipendenti operavano con apposita imbragatura ma senza che fossero assicurati dalle cd "linee-vita" (peraltro presenti ma solo parzialmente installate): ne emergeva un cantiere in cui l’aspetto della sicurezza era del tutto trascurato ed in cui il capo cantiere nonchè responsabile sicurezza, assente da giorni, non fosse  stato sostituito. Al punto tale che "gli operai presenti sul luogo di lavoro si auto-organizzavano (…)".

 

La Corte ha dunque ritenuto che fosse da ascriversi a colpa del legale rappresentante della società la mancata previsione della supplenza del capocantiere e che non potesse essere invocata l’inconsapevolezza di tale assenza, atteso che il datore di lavoro, quale destinatario delle norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro, ha l’onere di accertarsi della relativa presenza.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dall'Associazione AODV231.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Ti invitiamo a leggere la nostra policy.


Info Esci OK