Iscriviti
 
4 Febbraio 2019

Frode nell’esercizio del commercio: l’entità del profitto confiscabile

 

I costi sostenuti per la commercializzazione del bene non possono essere scomputati dai profitti, oggetto di sequestro finalizzato alla confisca in relazione al reato di frode nell'esercizio del commercio.

Questo il principio recentemente affermato dalla Corte di Cassazione in materia di frode alimentare (sentenza n. 4885/2019).

Nel caso di specie, il Tribunale aveva disposto il sequestro preventivo del profitto quantificandolo nella differenza tra i ricavi e il costo degli ...




Il seguito è riservato ai soci  [ Accedi ]
Oppure se vuoi diventare socio [ Compila il modulo » ]
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dall'Associazione AODV231.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Ti invitiamo a leggere la nostra policy.


Info Esci OK