Iscriviti
 
18 Aprile 2019

Pubblicato il report “Resolving Foreign Bribery Cases with Non-Trial Resolutions”

 

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ha recentemente pubblicato il report "Resolving Foreign Bribery Cases with Non-Trial Resolutions, dedicato all’analisi degli strumenti di contrasto alla corruzione internazionale che implicano un accordo tra le parti e prescindono da un accertamento processuale delle vicende in questione. Si tratta quindi delle soluzioni alternative al processo che comportano nondimeno sanzioni a carico delle aziende e delle persone fisiche coinvolte negli episodi criminosi.

Tra queste rientrano il patteggiamento italiano e altri istituti simili, quali il Deferred Prosecution Agreement di matrice statunitense.

Dalla ricerca dell’OCSE è emerso in particolare che tutti i 27 Paesi considerati contemplano nel proprio ordinamento strumenti di questo tipo e che quasi l’80% dei 900 episodi di corruzione analizzati si è concluso facendovi ricorso.

Tale progressiva diffusione, si legge nel documento, si deve principalmente alla maggiore cooperazione tra gli Stati e al beneficio della riduzione delle sanzioni pecuniarie ricollegato all’impiego di tali soluzioni concordate.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.