Iscriviti
 
9 Luglio 2019

Decreto sicurezza bis: richiamo alla responsabilità 231

 

Lo scorso 15 giugno è entrato in vigore il Decreto Legge n. 53/2019, recante "Disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica” (c.d. Decreto Sicurezza bis), che ha introdotto un particolare richiamo alla responsabilità amministrativa degli enti.

L’art. 17 del Decreto, nel capo relativo a "Disposizioni urgenti in materia di contrasto alla violenza in occasione di manifestazioni sportive”, è intervenuto sul primo comma dell’art. 1 sexies del D.L. n. 28/2003 che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria (da 2.500 a 10.000 euro) per chi vende titoli di accesso a manifestazioni sportive senza appartenere alle società appositamente incaricate.

Il Decreto Sicurezza bis ha anche introdotto un nuovo comma 1 bis alla predetta disposizione del seguente tenore: "Le disposizioni del comma 1, primo e secondo periodo, si applicano anche ai soggetti di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231”.

Da una prima lettura della novella, non sembra tuttavia essere stato previsto alcun richiamo ai criteri di imputazione previsti dal D.Lgs. 231/2001.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.