Iscriviti
 

Pubblicazione position paper "Antiriciclaggio. Il ruolo dell’Organismo di Vigilanza"

 

L’Associazione dei Componenti degli Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 ("AODV231") ha emanato il position paper "Antiriciclaggio. Il ruolo dell’Organismo di Vigilanza.

Il documento approfondisce i temi relativi a compiti, ruolo e responsabilità dell’Organismo di Vigilanza nell’attività di contrasto al fenomeno dei reati di riciclaggio (ricettazione; impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita; autoriciclaggio) in seno all’azienda, oggetto di numerose e recenti riforme legislative. Inoltre l’elaborato offre una panoramica completa dei punti di contatto tra il D.Lgs. n. 231/2007 e il D.Lgs. n. 231/2001 sotto il profilo della mappatura dei rischi e dei presidi organizzativi necessari alla prevenzione delle citate fattispecie.
Le considerazioni ivi espresse sono rivolte anche ai soggetti non direttamente destinatari delle previsioni anticiriciclaggio che, tuttavia, hanno optato per l’adozione di Modelli organizzativi o che, in ogni caso, possono incorrere in una contestazione relativa ai delitti indicati.

Chiudono il paper alcune puntuali considerazioni in materia di whistleblowing.


L’elaborato è frutto del lavoro di un gruppo di studio di AODV231 altamente specializzato in materia, coordinato da Gianluca Varraso e coadiuvato da Pedersoli Studio Legale (Federico Lombardi, Enrico Maria Mancuso, Marco Mariotti, Alessandro Zappasodi), Studio Carnà & Partners (Ascensionato Raffaello Carnà, Mario Chiodi), Nicola Mainieri, Maria Rosa Molino, Marco Pacini, Michele Pisati, Bartolomeo Romanelli.

Le attività di supervisione sono state condotte dal Comitato Centro Studi dell’AODV231: Ahmed Laroussi B., Diana D’Alterio, Maria Rosa Molino, Elisabetta Rubini, Patrizia Tettamanzi, Gianluca Varraso.

 


*         *        *

L’Associazione dei Componenti degli Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001, costituita nel febbraio del 2008, si propone di studiare l’applicazione sul campo del Decreto, valutando cosa implichi, in termini pratici, adottare e mettere in opera un Modello organizzativo e come debba, e possa, concretamente agire un OdV per assolvere pienamente ai propri doveri, coordinandosi con gli organi e le altre funzioni di controllo interno.

Con oltre 900 iscritti, specializzati nei controlli interni per la prevenzione dei reati imputabili alle aziende, l’Associazione persegue la riforma del Decreto Legislativo n. 231/2001, la razionalizzazione del sistema dei controlli interni, il confronto con i protagonisti dell’anticorruzione e la formazione, nel settore della compliance aziendale, dei propri iscritti.

I soci dell’AODV231 operano in alcune migliaia di società - tra cui molte quotate, multinazionali e filiali italiane di multinazionali - attive in tutte le aree maggiormente interessate dall’applicazione del Decreto Legislativo n. 231/2001, quali il settore bancario e finanziario, l’industria, le infrastrutture, i servizi.

L’AODV231 rappresenta un luogo di confronto e di studio su tutte le problematiche connesse all’applicazione del Decreto Legislativo n. 231/2001 e, più in generale, dei temi della governance, dei controlli e dell’etica d’impresa. Si propone inoltre di valorizzare il ruolo degli OdV nelle aziende, di elaborare proposte formative rivolte ad associati e non, e di sviluppare soluzioni concordate a problemi comuni, che possano nel tempo evolvere in linee-guida e vere e proprie best practice di settore.






















































































Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.