Iscriviti
 
20 Marzo 2020

Contrazione del Covid-19 equiparata agli infortuni sul lavoro

 

Con nota del 17 marzo scorso, l'Inail ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla gestione delle assenze degli operatori sanitari esposti al contagio dal virus Covid-19.

Il documento equipara l'affezione morbosa da parte di medici, infermieri e operatori sanitari verificatasi nel luogo lavorativo (o per causa dovuta allo svolgimento della prestazione professionale) agli infortuni sul lavoro.

Conseguentemente la struttura ospedaliera di appartenenza, in qualità di datore di lavoro, dovrà effettuare la denuncia d'infortunio, fermo restando l'obbligo del medico competente di trasmettere il relativo certificato.

La scelta operata dall'Istituto comporta, inoltre, che la tutela assicurativa si estenda anche ai casi in cui risulti problematico l'accertamento dell'episodio contagioso poiché è possibile "presumere che lo stesso si sia verificato in conseguenza delle mansioni/lavorazioni".

Le indicazioni contenute nella nota sono riferite esclusivamente ai lavoratori del settore sanitario: restano pertanto esclusi i dipendenti che svolgono la propria attività in ambiti diversi.





Il seguito è riservato ai soci  [ Accedi ]
Oppure se vuoi diventare socio [ Compila il modulo » ]
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.