Illecita concorrenza con minaccia o violenza” (art. 513-bis c.p.)

Chiunque nell´esercizio di un´attività commerciale, industriale o comunque produttiva, compie atti di concorrenza con violenza o minaccia è punito con la reclusione da due a sei anni.  
La pena è aumentata se gli atti di concorrenza riguardano un´attività finanziaria in tutto o in parte ed in qualsiasi modo dallo Stato o da altri enti pubblici.

 



Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.