Iscriviti
 
8 Marzo 2019

Infortunio sul lavoro: responsabilità per omesso controllo

 

Con sentenza n. 9454/2019, depositata il 5 marzo scorso, la Corte di Cassazione ha precisato i confini dell'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro.

In fatto, alla società coinvolta, una fonderia, era stato contestato l’illecito amministrativo di cui all’art. 25-septies del D.Lgs. 231/2001 per l'infortunio occorso a un proprio dipendente: il lavoratore si era infortunato nell'atto di utilizzare un macchinario, a causa del distaccamento di uno stampo fornito da azienda diversa dalla datrice di lavoro.

La fonderia aveva pertanto respinto le accuse a suo carico sostenendo di non aver alcuna responsabilità rispetto a materiale fornito da altri.

Gli Ermellini, tuttavia, confermando i giudizi di merito, hanno sostenuto come "lo stampo della pressa meccanica non poteva non essere correlato da specifiche indicazioni tecniche da conoscere e di cui tenere conto, altrimenti, adoperando cioè un accessorio di natura ignota, il datore di lavoro espone i dipendenti ad un rischio di cui deve assumersi la responsabilità, poiché non è governabile, non essendo in grado di valutare i requisiti di idoneità e di sicurezza dello strumento complessivamente assemblato, in violazione dell'art. 71 del D. Lgs. n. 81 del 2008”.

Inoltre, ha proseguito la Corte, "non esonera da responsabilità il datore di lavoro l’avere adoperato stampi di volta in volta forniti dai clienti, poiché tale prassi concretizza, in realtà, una reiterata negligenza”.

Secondo tale principio, un’azienda che utilizza per le proprie lavorazioni strumenti o parti meccaniche dati da altri è tenuta a farsi parte diligente, richiedendo istruzioni ed eventuali certificazioni e controllando la sicurezza complessiva del macchinario assemblato.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.