Iscriviti
 
6 Agosto 2019

Peculato e distrazione di fondi pubblici

 

Integra il reato di peculato, non invece l'indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, la condotta del consigliere regionale che distrae fondi pubblici assegnati al proprio gruppo consiliare e li utilizza per finalità estranee al proprio mandato. Questo il principio espresso dalla Cassazione con la recente sentenza n. 33831/2019.

Rigettando la prospettazione difensiva, i Giudici hanno anzitutto ribadito che, ai fini del delitto di peculato, il concetto ...




Il seguito è riservato ai soci  [ Accedi ]
Oppure se vuoi diventare socio [ Compila il modulo » ]
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.