Iscriviti
 
13 Settembre 2019

Responsabilità datoriale e delega di funzioni

 

Il conferimento a terzi della delega relativa alla redazione del Piano di Sicurezza "non esonera il datore di lavoro dall'obbligo di verificarne l'adeguatezza e l'efficacia, di informare i lavoratori dei rischi connessi alle lavorazioni in esecuzione e di fornire loro una formazione sufficiente ed adeguata". 
 

Così si è recentemente espressa la Cassazione nella sentenza n. 37000/2019, depositata lo scorso 4 settembre.

In fatto, un dipendente subiva gravi lesioni personali a seguito di un infortunio verificatosi mentre tentava di abbattere con una motosega alcuni alberi in un tratto di terreno in forte pendenza.

Al datore di lavoro veniva contestato di aver redatto, in violazione dell’art. 97 co 1 lett g) D.Lgs. 81/2001, un Piano di Sicurezza sostitutivo inadeguato e carente in merito alla valutazione dei rischi specifici relativi alle operazioni di disboscamento e di aver contravvenuto all’obbligo di formazione e addestramento.

A nulla è valso per l’imputato rilevare che un Responsabile per la redazione del Piano era stato delegato con apposita procura notarile.

La Corte, aderendo al proprio orientamento consolidato, ha infatti precisato che la presenza di altri garanti legali non esonera il datore dall’obbligo di redigere e aggiornare il DVR di cui all’art.  28 del D.Lgs. n. 81/2008 e vigilare sui rischi connessi all’attività lavorativa per i dipendenti.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.