Iscriviti
 
10 Gennaio 2020

Per la responsabilità 231 è indispensabile la motivazione sul reato presupposto

 

Con una recente sentenza (n. 50710/2019), la Corte di Cassazione ha ribadito che ai fini della responsabilità a carico dell'ente risulta imprescindibile la motivazione sulla sussistenza del reato presupposto.

Il caso di specie riguardava numerosi delitti di corruzione verificatisi nell'ambito di appalti indetti da alcune società a partecipazione pubblica e i relativi illeciti amministrativi ex D.Lgs. 231/2001.

La Suprema Corte ha dichiarato parzialmente fondato il ricorso ...




Il seguito è riservato ai soci  [ Accedi ]
Oppure se vuoi diventare socio [ Compila il modulo » ]
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.