Iscriviti
 
16 Novembre 2020

Caporalato e controllo giudiziario dell'impresa

 

È stato recentemente disposto il controllo giudiziario nei confronti di un'azienda indagata per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Su proposta del P.M., la misura cautelare in esame è stata preferita al sequestro potendo "l’interruzione dell’attività imprenditoriale comportare ripercussioni negative sui livelli occupazionali o compromettere il valore economico del complesso aziendale".

Il GIP ha quindi nominato un amministratore giudiziario cui viene riconosciuto il compito di controllare il rispetto delle norme sulle condizioni lavorative dei dipendenti e procedere alla regolarizzazione di coloro che erano privi di contratto.

Al fine di evitare la reiterazione delle violazioni riscontrate, il provvedimento consente all'amministratore giudiziario anche l'adozione di misure difformi da quelle proposte dall'imprenditore.

Si ricorda che alcuni mesi fa, come già segnalato da AODV231, il Tribunale di Milano aveva ordinato la misura di prevenzione patrimoniale dell’amministrazione giudiziaria di una società in relazione alla stessa fattispecie di reato.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.