Iscriviti
 
23 Febbraio 2021

Reati societari e sequestro all’apicale

 

L’ente non può considerarsi terzo estraneo rispetto ai reati societari commessi da un proprio apicale e, pertanto, il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente deve avere ad oggetto prima i beni della società e solo in via sussidiaria quelli della persona fisica (Cass. n. 6391 del 18 febbraio scorso).

Nel caso in esame, il Tribunale del Riesame aveva confermato il provvedimento ablatorio a carico di un direttore di banca accusato di aver trasmesso a Banca d’Italia alcune comunicazioni contenenti dati gonfiati, poi riportate in bilancio.

L’accusa, invece, non aveva formulato istanze cautelari nei confronti dell’Istituto di credito di riferimento, pur mantenendo ferme le contestazioni degli illeciti amministrativi. 

La Corte di Cassazione, nell’annullare esclusivamente il sequestro per equivalente (e non anche quello finalizzato alla confisca diretta) ha ribadito il principio di sussidiarietà, secondo il quale, prima di procedere all’apprensione dei beni dell’apicale, è necessario verificare la possibilità di rinvenire in via diretta il denaro presso la persona giuridica nel cui interesse e vantaggio erano stati commessi i reati societari.


Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.