Iscriviti
 
4 Marzo 2021

Falso ideologico e autoriciclaggio

 

La Cassazione (sentenza n. 7176 dello scorso 24 febbraio) ha stabilito che anche i reati di falso possono costituire il presupposto di riciclaggio o autoriciclaggio.

 

Nel caso in esame il Pubblico Ministero aveva impugnato il provvedimento che respingeva la richiesta di misura cautelare nei confronti di un indagato, accusato di aver generato flussi di denaro illeciti grazie a falsi provvedimenti di liquidazione dei compensi in favore dell’amministratore giudiziario.

 

La Corte ha accolto il ricorso, sostenendo come "la falsità pertiene proprio a provvedimenti che, in quanto decreti di pagamento, costituiscono la diretta fonte dell'utilità economica percepita dall'amministratore giudiziario poi impiegata, secondo l'assunto accusatorio, nelle operazioni di autoriciclaggio".

Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito. Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "ACCETTO".
Leggi la cookie policy.